Concerto per “Bimbo Tu”

by

Image

San Lazzaro, 20 ottobre 2012

Un evento importante per una nobile iniziativa: la Corale Jacopo Da Bologna con il Requiem di Mozart op Kv.626 eseguito nella chiesa consacrata al Divino Redentore, una promessa per l’associazione “Bimbo Tu Progetto Lucrezia” con lo scopo di aiutare i bambini colpiti da tumore, per dare un’ulteriore speranza assieme ad un’aspettativa di vita migliore sia a bambini che a genitori.

Di ospedali, per via dello stato di salute dei miei genitori, ne ho frequentati diversi, partendo dal Maggiore, attraverso i vari reparti di S.Orsola, Bellaria e Malpighi, passando alle ville Negrisoli, Laura e Salus per concludere con il Rizzoli.

Un viaggio attraverso le varie strutture ospedaliere, nelle quali ho trovato tanta comprensione e umanità.

Ricordo che durante una visita il cardiologo disse a mia madre:- “Signora, le medicine che la scienza ci fornisce, noi le prescriviamo, tuttavia da parte sua per poter stare meglio, è indispensabile il desiderio e la voglia di migliorare, rispettando il proprio corpo, senza affaticarlo, senza chiedergli più di quanto possa concederci, altrimenti le ricadute sono dietro l’angolo e con esse l’accorciamento della propria esistenza.”

Quante volte da persone incontrate quotidianamente ho sentito dire che il morale alto è la metà della cura! È l’unica opportunità concessaci affinché le medicine compiano al meglio il proprio lavoro.

Parole che vengono dal passato e dalla saggezza popolare, come dal passato viene la tradizione dell’Ospedale Bellaria, centro importante e forse primo in Italia per gli interventi al cervello su fenomeni tumorali, tradizione che il sottoscritto per varie vicissitudini conosceva fin dagli anni settanta.

Oggi partecipando alla manifestazione promossa da “Bimbo Tu” vivo sentitamente questa circostanza, nutrendo in cuore la speranza di rendermi utile e di poter dare un contributo sia di gruppo che personale a un nobile progetto rivolto al domani e chi più dei bambini può rappresentare il futuro?

San Giovanni Bosco soleva dire.- “Lasciate che i giovani vengano a me!” Come ex allievo salesiano conosco bene anche il seguito del messaggio, poiché nelle mani dei bambini, quando diverranno giovani adulti risiederà il futuro ed il destino di ogni nazione e di ogni continente pronto a farsi rispettare, il compito di noi “vecchi” è quello di crescere i giovani con l’esempio, alimentando le loro menti con sani principii educativi, processo indispensabile per formare i pilastri su cui fondare le società future.

Questo è l’unico modo che io conosca per creare un buon avvenire proiettato verso i tempi che verranno, soprattutto tentando un allontanamento delle nuove generazioni da un presente malato, moribondo e corrotto, ecco con quale spirito ho vissuto questa manifestazione! Con ciò concludo ringraziando poiché chi legge ha fretta e non ha tempo da perdere in favole.

Mario Dalmonte

2 Risposte to “Concerto per “Bimbo Tu””

  1. luca Says:

    sarebbe bello conoscerle prime le iniziative, non 5gg dopo…

  2. mario m. Says:

    Luca Caruso (tenore) ha scritto una poesia intitolata:

    Nell’infinito

    Ora che sono qui in questo mondo
    sotto questo cielo, insieme a te nell’infinito
    non voglio perdere nemmeno un minuto
    per potere toccare, sentire, pensare, capire, amare te.

    Tu Signore ci hai donato questa vita.
    Quando tornerò nell’infinito porterò nella mia anima
    queste emozioni che ci hai regalato
    e sarò dentro di te, insieme a te per l’eternità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: