Archive for ottobre 2012

Concerto per “Bimbo Tu”

24 ottobre 2012

Image

San Lazzaro, 20 ottobre 2012

Un evento importante per una nobile iniziativa: la Corale Jacopo Da Bologna con il Requiem di Mozart op Kv.626 eseguito nella chiesa consacrata al Divino Redentore, una promessa per l’associazione “Bimbo Tu Progetto Lucrezia” con lo scopo di aiutare i bambini colpiti da tumore, per dare un’ulteriore speranza assieme ad un’aspettativa di vita migliore sia a bambini che a genitori.

Di ospedali, per via dello stato di salute dei miei genitori, ne ho frequentati diversi, partendo dal Maggiore, attraverso i vari reparti di S.Orsola, Bellaria e Malpighi, passando alle ville Negrisoli, Laura e Salus per concludere con il Rizzoli.

Un viaggio attraverso le varie strutture ospedaliere, nelle quali ho trovato tanta comprensione e umanità. (more…)

Commento al concerto di Pianoro del 28 settembre 2012

24 ottobre 2012

(a cura di Enrico Fiore, basso)

Vi è un rapporto tra la musica e la malattia? E se si che rapporto vi è? Questa domanda l’ho rivolta a me stesso ripensando alla serata musicale di venerdì scorso, quando con il Coro Jacopo da Bologna diretto dal maestro Antonio Ammaccapane, abbiamo festeggiato il brigadiere dei carabinieri Salvo Caserta, ammalatosi  di SLA, una malattia degenerativa del midollo spinale, la cui eziologia è tuttora sconosciuta, che nel tempo porta ad una completa paralisi di tutti i muscoli scheletrici del corpo, pur lasciando intatte le capacità mentali globali del paziente.

Tra gli intervenuti nella chiesa di Santa Maria Assunta di Pianoro Nuova vi erano parenti, amici, colleghi del brigadiere, il sindaco della Città, tutti  hanno  partecipato con grande attenzione ed emozione alla serata in suo onore. Il concerto sotto la direzione del maestro Ammaccapane ha ottenuto grande successo, il Coro ha dato il meglio di se, il canto ha trasmesso forti sensazioni raggiungendo momenti di altissima tensione che hanno coinvolto ed entusiasmato tutti i presenti.

Al termine del concerto mi sono avvicinato a Salvo, il festeggiato, esprimendogli i miei auguri per il suo stato di salute e ne ho notato una espressione di gioia intensa e di commozione; certo, se noi tutti presenti lo avessimo circondato e assecondato con la nostra  sola presenza, quell’espressione  non sarebbe stata presente, è dunque il canto corale, anche accompagnato da un solo strumento, che ha fatto la differenza; anche noi eravamo più gioiosi rispetto al nostro stato d’animo all’inizio del concerto, e  così si può dire anche per tutte le altre persone presenti in chiesa. (more…)